Carbonara di zucca

“Finta carbonara” con crema di zucca, guanciale croccante e cialde di pecorino romano

Non vi agitate! La carbonara, quella vera, è e rimarrà per sempre la mia unica religione! Sono sicura che i puristi della cucina romana storceranno molto il naso sentendo parlare di “carbonara di zucca” ma ho voluto fare una prova, e visto che mi è uscita bene, ve la pubblico qui sul blog al volo.

Ieri ho aperto il frigo e ci ho trovato la prima zucca della stagione, con il suo colore arancio acceso che dice benvenuto freddo, benvenuto autunno. Affianco a questa zucca c’era una bella fetta di guanciale (comperato con l’dea di di fare una carbonara o una amatriciana!!) e il pecorino romano (che in casa nostra non manca mai) e in questo modo ho tirato fuori un piatto che con una carbonara ovviamente non ha nulla a che vedere, ma non per questo si è rivelato meno interessante e meno ricco di sapore.

Nello specifico questa carbonara fatta con una crema di zucca al posto della crema di uovo ci ha stupito, sopratutto per la sua combinazione di sapori , in cui la dolcezza della zucca è andata a bilanciare perfettamente la sapidità del guanciale e del pecorino.

Vi lascio la ricetta con dosi per due persone ma un po approssimative, perché anche io mi sono regolata un po a occhio essendo la prima volta.

Ingredienti

  • 180 g pasta formato tortiglioni o mezze maniche
  • 200 g zucca pulita
  • 100 g pecorino romano stagionato grattugiato
  • 100 g guanciale
  • olio extravergine d’oliva q.b.
  • pepe nero macinato q.b.

Procedimento


Preparazione della crema di zucca

Taglia il guanciale a striscioline eliminando la cotenna (io lascio la parte pepata ma se preferite eliminate anche quella).

Metti il guanciale in padella, senza aggiungere olio, e lasciatelo rosolare nel suo grasso, a fuoco medio, fino a che non sarà diventato bello croccante. Una volta ben cotto scolalo per bene dal suo grasso e tienilo da parte.

Rimuovi parte del grasso lasciato dal guanciale dalla padella o anche tutto se il sapore non ti piace ma non lavare la padella.

Taglia la zucca a dadini abbastanza piccoli. Se hai eliminato tutto il grasso del guanciale aggiungi giusto un filo d’olio nella padella, altrimenti riporta in temperatura il grasso avanzato. Aggiungi la zucca, e quando si sarà ben dorata bagnala con un mezzo bicchiere d’acqua (o anche meglio di brodo, se lo hai a disposizione), una presa di sale e una abbondante macinata di pepe. Lasciala cuocere a fuoco basso per una decina di minuti o fino a quando la zucca sarà diventata morbida e tutta l’acqua sarà stata assorbita.

Per la cialda di pecorino

Nel frattempo che la zucca cuoce puoi dedicarti alla preparazione di una piccola decorazione che darà la nota croccante al piatto. Grattugia il pecorino e mettine un cucchiaio su una padella antiaderente ben calda, stendilo leggermente con il fondo del cucchiaio, per rendetelo un disco piatto, e a fuoco basso lascia che si sciolga. Una volta croccante, aiutandoti con una paletta, solleva la cialda e mettila a raffreddare sul tagliere o su un pezzetto di carta da cucina senza toccarla. Prepara una cialda per ogni commensale ( anche qualcuna in più da sgranocchiare come aperitivo;).

Quando la zucca sarà diventata ben morbida prelevane metà e frullala con il minipimer fino ad ottenere una crema morbida (sarà questa che sostituirà l’uovo), nel caso risultasse troppo densa aggiungi un cucchiaio di acqua o di brodo. L’Altra metta tienila da parte insieme al guanciale.

Porta a bollore una pentola d’acqua salata e butta la pasta lasciandola cuocere il tempo indicato sulla confezione. Il mio consiglio è di salare poco l’acqua della pasta perché il guanciale e il pecorino daranno già tanta sapidità al piatto.

Scola la pasta, conservando un po di acqua di cottura, e tuffala nella padella in cui ai cotto prima il guanciale e poi la zucca. Aggiungi subito la crema di zucca, i pezzetti di zucca avanzati, manteca per bene con un cucchiaio di pecorino e all’ultimo aggiungi il guanciale (in questo modo rimarrà croccante). Aggiungete acqua di cottura a piacimento se preferite che il condimento resti più morbido.

Servi nei piatti accompagnato da una cialda di pecorino a testa, un’abbondante macinata di pepe e se lo gradisci altro pecorino grattugiato (io ovviamente lo gradisco 🙂 )

Questa ricetta non pretende nemmeno di assomigliare a una vera carbonara quindi tranquilli non ve la spaccerò per tale. Però sono sicura che si è rivelata una gustosissima svuota frigo!

Fatemi sapere nei commenti se provate a farla!

Qui potete trovare tutte le altre ricette a base di zucca!!

Be First to Comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *