vellutata di sedano rapa con guanciale croccante

Le vellutate, nelle cucine di molte persone, sono il silmbolo dell’arrivo dell’inverno e delle giornate fredde e uggiose. In effetti, a parer mio, quando fuori fa freddo iniziare la cena con qualcosa di caldo è davvero molto confortante. E poi diciamocelo, le vellutate e i passati di verdura sono super comodi in cucina: ne puoi prepare una bella pentola con tutte le verdure che hai in frigo e oltre a risultare sempre buone e gustose, le puoi conservare per qualche giorno e riscaldarle per una pausa pranzo veloce o come antipasto.

Io in questa stagione ne trangugio dei litri e cerco sempre nuove combinazioni di verdure e spezie da provare. Questa al sedano rapa l’ho preparata qualche giorno fa spinta dalla curiosità di provare questo ortaggio tanto brutto e bitorzoluto. Il risultato è stato ottimo. Il sedano rapa ha un sapore molto particolare, fresco e speziato, che rende la zuppa leggerissima e perfetta da essere mangiata anche fredda. Il mio consiglio pricipale è di non usare panna per preparare la vellutata (io non la uso mai perché non mi piace proprio nei piatti salati) ma del latte di mucca o di soia, per non appesantirla. Io per insaporirla e creare contrasto ho aggiunto guanciale croccante  e crostini di pane ma voi potete anche usare semi o frutta secca tostata se preferite. Se la provate fatemi sapere cosa ne pensate 😉 !

Ingredienti per 4 persone:

  • Un sedano rapa (700 g)
  • Due patate medie
  • 60 g di porro
  • 100g di guanciale
  • Pane comune a fette
  • Olio d’oliva extravergine
  • 500 ml di latte
  • 500 ml di brodo vegetale
  • Sale e pepe

Procedimento:

Come prima cosa pulisci il sedano rapa: taglia le estremità, togli tutta la parte esterna e taglialo a cubetti in modo grossolano.  Sbuccia, lava e taglia nello stesso modo anche la patata. Affetta il porro a rondelle grandi. 

Metti tutte le verdure in un tegme dai bordi alti insime a un cucchiaio di olio di oliva e a una presa di sale.

Fai rosolare tutti gli ingredienti per circa cinque minuti a fuoco vivo. A questo punto, aggiungi il brodo vegetale e il latte, copri con un coperchio e lasciate cuocere per circa 30/40 minuti a fuoco moderato (se segui una dieta particolare o hai delle intolleranze puoi benissimo usare il latte di soia o di mandorle).

N.B. Io come brodo vegetale utilizzo un brodo liofilizzato preparato in casa partendo da ingedienti freschi. Ovviamente l’optimum  sarebbe utilizzare sempre del brodo appena fatto (bastano anche solo sedano carota e cipolla), ma capisco che spesso non si ha il tempo di prepararlo . Se utilizzate del brodo industriale in dano o in polvere fai attenzione ad aggiungere altro sale perché sono spesso molto saporiti e sapidi.

Nel frattempo affetta il guanciale (puoi usare anche dello speck se preferisci), taglialo a striscioline e mettilo a soffriggere in una padella antiaderente senza aggiungere olio. Una volta ben cotto e croccante togli il guanciale e asciugalo leggermente dal suo grasso su un pezzo di carta assorbente. Taglia il pane in cudetti e con un filo d’olio falli saltare qualche minuto in padella in modo che si abbrustoliscano leggermente.

A cottura ultimata, togli dal fuoco la zuppa e, con un frullatore a immersione, riduci gli ingredienti in crema. Se dovesse risultare troppo densa aggiungi un altro po’ di latte o di brodo vegetale in modo da regolare la consistenza a tuo piacimento. Aggiusta di sale e di pepe se necessario.

Servi la zuppa con un filo d’olio d’oliva a crudo, una macinata di pepe fresco, i crostini e il guanciale croccante.

5 Comments

  1. 10 dicembre 2016
    Reply

    Ennò confesso la mia ignoranza, non lo avevo mai visto un sedano rapa! In questa versione creata da te deve essere proprio buono, credo che amerei il connubio fra sapidità della pancetta , la croccantezza del pane e la delicatezza della vellutata (ma perchè parlo come un critico gastronomico?) 😛
    Se dovessi trovarlo ingiro al mercato lo compro e lo provo, mi hai incuriosita! E poi la ricetta è anche semplice! 😀

    • Veronica
      12 dicembre 2016
      Reply

      Io ho apprezzato moltissimo questo tuo commento alla Cracco invece ;)!! Comunque hai ragione, il connubio è molto gustoso e ti consiglio di provarlo perché è davvero una ricetta semplicissima come sembra. Il sedano rapa in questa stagione si trova praticamente in tutti i supermercati e poi, essendo una verdura invernale, costa pochissimo!

  2. 27 febbraio 2017
    Reply

    Sì, lo ammetto, sto frugando nel tuo blog con la bava alla bocca! Avevano ragione i saggi (non si sa chi di preciso!) che il cibo è assolutamente ciò che conquista e ti prende per la gola! Sono da poco vegetariana, ma questa ricetta mi incuriosisce così tanto che cercherò il modo di sostituire il guanciale con qualcosa che l’assomiglia! Ma penso che anche senza, sia assolutamente buonissimo.. Come ha detto anche Orsa nel Carro io il sedano rapa lo vedevo quotidianamente al supermercato quando vivevo in Germania, ma qui in Sardegna sembra quasi che non lo portano.. sarà che nessuno lo utilizza? Chi sa.. spero di trovarlo in qualche piccolo mercatino di paese, almeno quello!

    • Veronica
      27 febbraio 2017
      Reply

      Hahahaha, continua tranquillamente a curiosare che mi rendi solo che felice :)!! So che non ci crederai ma avevo pensato questa ricetta per un’amica che da poco sta pensando di diventare vegetariana e ho aggiunto il guanciale solo per renderla appetitosa un po’ a tutti. Io non sono vegetariana ma sono super affascinata dalle ricette e dal modo di trattare le materie prime di questa filosofia di vita. Avevo pensato anche a un topping di verdure ripassate in padella con un po’ di panna acida per finire (ma avevo solo il guanciale in casa) quindi sono sicura che in qualsiasi modo la proverai verrà gustosa! Il sedano rapa a me piace tanto e qui in emilia (e anche a Ginevra) si trova facilmente ma non è fondamentale usarlo, andranno bene anche delle rape rosse o del cavolo cappuccio.
      Passa ancora a trovarmi se ti va 🙂
      A presto

      • 1 marzo 2017
        Reply

        Si, senza il guanciale è assolutamente ideale per chi non mangia la carne e ama le verdure 😀 E poi che dire io vado anche matta per le vellutate ..comunque è sicuro che ripasserò visto le ricette gustose! Continua così, mi piace molto lo stile del tuo blog :* A presto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *